MADE IN ITALY QATAR EXHIBITION

Qatar chiama Italia: quando l’eccellenza incontra le opportunità

10-13 maggio 2012 First Annual Made in Italy Qatar Exhibition

Uno dei modi con cui l’Italia può uscire dalla crisi è sicuramente ampliare la propria quota di mercato a livello globale, dove, guardando ai Paesi emergenti e ai ricchi mercati del Medio Oriente, alcune tipologie di prodotti Made in Italy hanno forti potenzialità di crescita.

Nella classifica Ernst&Young dei 25 Paesi che hanno registrato il tasso di crescita del PIL più consistente tra il 2000 e il 2010, il primo posto spetta ad esempio al Qatar, con un +13% l’anno! Altro che BRIC! Paese del Golfo poco più grande dell’Abruzzo, il Qatar è il terzo produttore di gas naturale al mondo, dopo Russia ed Iran. Anche i giacimenti petroliferi e l’industria petrolchimica concorrono al benessere di un Paese che, attraverso la lungimiranza dei regnanti, è entrato in una fase importantissima della sua storia. Il desiderio di evolversi, puntando ad un futuro che veda il Qatar elevarsi a polo d’eccellenza nei più svariati settori, ha ispiratola Visione Nazionale Qatarina2030, promulgata nel 2008 dall’emiro del Qatar, Hamad bin Khalifa Al Thani.

Oltre ad una politica economica, culturale e sociale di assoluto sviluppo, la visione contempla direttive molto chiare in termini di sostenibilità ambientale, di adozione dei più elevati standard qualitativi per le infrastrutture da realizzarsi, internazionalizzazione, e quella che definiremmo una svolta epocale nella gestione delle proprie fonti di reddito: entro il 2030 infatti, il Qatar dovrà essere in grado di equilibrare l’attuale dipendenza dallo sfruttamento di gas e petrolio con il ritorno sugli investimenti atti a favorire la diversificazione del Paese, con l’obiettivo di garantire alla popolazione un futuro prospero anche qualora le attualmente immense risorse naturali saranno esaurite o, qualora – attraverso l’impiego di energie alternative – calasse la domanda di tali risorse a livello globale.

Negli scorsi tre anni il Paese ha quindi avviato il processo di consolidamento della propria posizione come uno dei maggiori centri di attrazione degli investimenti finanziari internazionali, investendo a sua volta in progetti e realtà innovative attraverso joint ventures, in noti istituti bancari, in partnership strategiche per lo sviluppo del Paese e in attività che ne incrementino il lustro a livello globale. La realizzazione della Visione Nazionale Qatarina 2030 prevede infatti anche un’estensione della propria notorietà internazionale attraverso lo sviluppo di competenze eccellenti in tutti i settori. Dall’healthcare allo sport, dai poli universitari e tecnici alle cooperazioni scientifiche internazionali, dalla cultura all’arte, il Paese si apre al mondo, chiamando a sè competenze attualmente carenti in loco ed instaurando cooperazioni di rilievo con le eccellenze di tutto il mondo.

La capitale dello Stato, Doha, è lo specchio di questa evoluzione: negli scorsi 5 anni Doha ha subito massicci cambiamenti e si presenta attualmente come un immenso cantiere. La città, come il resto del Paese, necessita di essere dotata di servizi moderni per elevare la qualità della vita dei suoi cittadini (circa 350.000) e dei residenti (circa 1.400.000, cui fa capo una comunità italiana di circa un migliaio di persone), soprattutto a fronte dei Mondiali di Calcio del 2022, sfida che il Paese prende molto seriamente, stanziando 186 miliardi di dollari fino al 2021. Il Mondiale di Calcio è per il Qatar l’occasione che lo proietterà in un’altra dimensione.

E’ in questa corsa ad uno sviluppo sostenibile ed altamente qualitativo che il Qatar chiede al Made in Italy di essere presente attraverso una rassegna mirata, una vera e propria fiera dedicata all’eccellenza italiana per il design di interni ed esterni di qualsiasi tipologia di ambiente. E’ la prima volta che uno Stato chiede ad un altro di fare la differenza, per di più attraverso organizzazioni private, nella fattispeciela qatarina Doha EnterpriseCompany ela comasca SAB Communications.Sono numerosissimi gli operatori del Golfo che richiedono a gran voce al Made in Italy di essere più presente nell’area. Per fare un esempio, l’eccellenza manifatturiera italiana dovrebbe far parte del processo di rinnovamento del Qatar, ma ad oggi le esportazioni italiane nel settore del mobile cubano poco più di 50 milioni di USD l’anno. Troppo poco, nonostante la partecipazione delle aziende italiane alle storiche fiere internazionali nella regione del Golfo o alle missioni delle Camere di Commercio o degli enti per l’internazionalizzazione. Indipendentemente dalla sua ricchezza, il mercato medio-orientale è molto esigente e molto difficile da conquistare. Ecco perché nasce una rassegna in cui l’attenzione degli operatori medio-orientali si focalizza esclusivamente sul Made in Italy, con l’intento di aprire un canale commerciale preferenziale per il Made in Italy in Medio Oriente e diffonderne la cultura nei Paesi del Consiglio di Cooperazione nel Golfo.

La peculiarità della rassegna Made in Italy – Qatar è l’essere esclusivamente dedicata all’eccellenza manifatturiera italiana e dotata di una forte connotazione commerciale: con il servizio di business matching gratuito, Made in Italy – Qatar garantisce ad ogni espositore tre appuntamenti qualificati con potenziali acquirenti delle soluzioni proposte, che vanno ad aggiungersi al pubblico B2B atteso da tutto il Medio Oriente. Pur presentando tutte le caratteristiche di un’esposizione di settore, Made in Italy - Qatar si trasforma nelle ore serali in un evento senza pari, ospitando conferenze dove i nuovi talenti dell’architettura italiana presenteranno i propri progetti a costruttori e all’ordine degli architetti ed ingegneri patarino; serate culinarie realizzate da un team di cuochi italiani con i prodotti che sponsor ufficiali forniranno direttamente dall’Italia per operatori della GDO o chef e buyer di grandi catene alberghiere;  sfilate delle collezioni di designer italiani innovativi per un pubblico selezionato.

Queste ed altre attività rendono l’esposizione Made in Italy - Qatar una eccellente vetrina della cultura e dello stile italiano in Medio Oriente, ove si genereranno affari in un’atmosfera assolutamente piacevole e stimolante.

Made in Italy – Qatar si terrà a Doha dal 10 al 13 maggio 2012. Esposizione patrocinata dal Ministero dello Sviluppo Economico, dalla Camera di Commercio Italo – Araba, dall’Expo Business Center – 2015, e dalla stessa Camera di Commercio e Industria di Doha, l’evento si configura come piattaforma business, atta a coniugare l’indubbia eccellenza del Made in Italy alla forte necessità di accedere a prodotti di alta qualità dei Paesi del Golfo. Con il supporto delle istituzioni, Doha Enterprise Company (organizzatore della rassegna) intende altresì garantire massima assistenza agli espositori anche a posteriori dell’evento, in termini di consolidamento dei rapporti commerciali instaurati durante la rassegna con gli operatori del Golfo. 

www.madeinitalyqatar.com

10-05-2012